La sfida del futuro passa per la prevenzione attraverso i farmaci antiretrovirali. I dati restano allarmanti: ogni giorno 7mila nuove infezioni e mille riguardano bambini. Nel nostro Paese il contagio non passa più solamente dalle vie della droga.

 

Si apre oggi a Roma la Conferenza Internazionale sull’Aids. Il congresso, che durerà fino a mercoledì, mette a confronto seimila medici e studiosi di tutto il mondo, impegnati nel tentativo di scrivere una nuova pagina nella lotta alla malattia scoperta 30 anni fa. Il tema caldo di quest’anno è il diverso utilizzo dei farmaci antiretrovirali usati finora per la cura, ma da nuovi studi considerati decisivi come arma della prevenzione per ridurre la diffusione del virus soprattutto nei Paesi in via di sviluppo.

“I risultati delle sperimentazioni cliniche condotte per anni e diffusi recentemente, dimostrano che la terapia funziona sempre più come prevenzione. E questa sarà l’idea portante della conferenza”, racconta Stefano Vella, virologo dell’Istituto superiore di sanità e fra gli organizzatori del convegno.

Nella sfida della ricerca restano da sciogliere ancora molti nodi, primo fra tutti quello dei fondi necessari per garantire l’accesso alle cure nel Sud del mondo. A questo proposito, a Roma non mancheranno le polemiche sul mancato finanziamento italiano al Fondo Globale per la lotta all’Aids, la tubercolosi e la malaria. Il governo italiano non ha infatti versato i 130 milioni di dollari, più altri 30, promessi due anni fa nel G8 dell’Aquila.

I numeri italiani

In occasione della Conferenza, il Centro Operativo Aids ha reso noti i dati aggiornati della situazione in Italia. Dal 1982, anno della prima diagnosi di aids in Italia, al 31 dicembre 2010, sono stati notificati 62.617 casi di malattia. Di questi il 77,3% riguardavano persone di sesso maschile, l’1,2% in età pediatrica o con infezione trasmessa da madre a figlio e l’8,5% erano stranieri. Anche se di Aids si parla sempre meno, nel 2009 ci sono state ancora 2.588 diagnosi con un’incidenza pari a sei abitanti ogni 100mila. Mentre nel 2010 sono stati 1.079 i nuovi casi. Nel complesso oggi in Italia ci sono 160mila sieropositivi e 20mila malati di Aids.

La concentrazione è maggiore al centro-nord rispetto al sud e alle isole. In particolare la più alta è stata registrata in Emilia Romagna, seguita da Lombardia e Lazio. Mentre la più bassa in Calabria. “Dati che inquadrano l’Italia – spiega l’Istituto Superiore di Sanità –  fra i Paesi dell’Europa occidentale con un’incidenza di nuove diagnosi di hiv medio-alta”.

Ancora: aumenta l’età media al momento della diagnosi, passando da 26 anni per i maschi e 24 anni per le femmine nel 1985 a, rispettivamente, 39 e 36 anni nel 2009. Il risultato è che il 66,2% del totale dei casi, si concentra nella fascia d’età 30-49 anni. In particolare è aumentata la quota di casi nella fascia d’età 40-49 anni. Non solo, cambiano anche le categorie di trasmissione: diminuiscono i tossicodipendenti (dal 74,6% nel 1985 al 5,4% nel 2009) e crescono i casi attribuibili a trasmissione sessuale (omosessuale ed eterosessuale) passati dal 7,8% nel 1985 al 79% nel 2009. Nel 2009, ancora, quasi una persona su tre, fra gli hiv positivi, è risultata di nazionalità straniera.

Diagnosi tardive e mortalità

Nel 2010 quasi il 60 per cento dei nuovi casi di aids ha scoperto di essere sieropositivo molto tardi, in concomitanza con la diagnosi di aids conclamato. “Questa proporzione – spiega l’Istituto Superiore di Sanità – è aumentata progressivamente negli ultimi 15 anni. Come conseguenza di queste diagnosi tardive, ben due terzi delle persone diagnosticate con aids dal 1996 a oggi non ha usufruito dei benefici delle terapie antiretrovirali prima di tale diagnosi”. I decessi, infine, ammontano a 39.344 pazienti (62,8%) al 31 dicembre 2010. “Tuttavia – conclude l’Iss – è probabile che si tratti di un numero sottostimato, in modo particolare per gli ultimi anni, dal momento che la segnalazione di decesso al centro operativo anti aids non è obbligatoria”.

Fonte: http://www.repubblica.it

 

0 Comments

Leave a reply

Contattaci

Risponderemo il prima possibile

Sending

©2019 Stammibene.info

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account

Vai alla barra degli strumenti